Prima osannato, poi premiato, poi con un colpo di spugna che puzza di ipocrisia bannato dal CES 2019. Scopriamo cos’è Osè.

Gli sviluppatori di Osè, un giocattolo sessuale destinato alle donne accusano l”International Consumer Electronics Show (CES) di ‘Pregiudizio di Genere‘ dopo che gli organizzatori hanno revocato il premio all’innovazione precedentemente assegnato e vietato di mostrare il loro prodotto alla manifestazione.

La cronaca

Lora DiCarlo (CEO della società produttrice di Osè) presenta il suo primo prodotto in assoluto ai CES Innovation Awards: l’Osé, il primo sex toy al mondo ‘hands-free’ ovvero che si usa senza mani, destinato alle donne, che simula il movimento della lingua;

Osè viene valutato dal CTA e da un gruppo indipendente di giudici di robotica;

al sex toy viene assegnato il premio;

un mese dopo, il CTA ritira il premio, giustificandone l’assegnazione come un errore; inoltre definisce l’invenzione “immorale, oscena, indecente, profana e non in linea con l’immagine di CTA“.

Viene da chiedersi quindi perché mai sia stata accettata in prima istanza.

Le parole di Lori De Carlo

La mia squadra ne è stata entusiasta e abbiamo festeggiato la vittoria“, ha scritto. “Un mese esatto dopo tutto il nostro entusiasmo è stato spento“.

Gli amministratori della Consumer Technology Association, l’organizzazione che ha patrocinato la fiera annuale di Las Vegas, hanno contattato l’azienda e hanno detto che non solo avrebbero annullato il premio, ma che la società non avrebbe potuto presentare il prodotto al CES 2019.

Haddock ha scritto che subito dopo aver chiesto perché il premio è stato revocato, CTA ha detto alla società che le invenzioni: “ritenute dalla CTA a loro esclusiva discrezione immorali, oscene, indecenti, profane o non conformi all’immagine di CTA saranno squalificate“. In una dichiarazione, i funzionari della CTA hanno affermato che il prodotto “non avrebbe dovuto essere accettato per il programma Innovation Awards” perché “non si adatta a nessuna delle nostre categorie di prodotti esistenti“.

CTA ha comunicato questa posizione a Lora DiCarlo“, si legge nella dichiarazione. “Ci siamo scusati con la compagnia per il nostro errore.”

Haddock ha definito questa “affermazione ancora più offensiva e, francamente, ridicola“. Ha inoltre ribadito che il suo team di ingegneri ha progettato l’Osé in collaborazione con l’Oregon State University, il cui laboratorio di robotica è considerato uno dei migliori della nazione.

Osé è oggetto di otto brevetti in attesa e per la sua progettazione sono state necessarie competenze di robotica, biomimetica e studi ingegneristici“, ha scritto. “Osé si adatta chiaramente alla categoria Robotica e Drone – e gli stessi giudici esperti di CTA erano stati d’accordo.

La dichiarazione della CTA non spiega perché Lora DiCarlo non possa più presentare il suo prodotto al CES e i funzionari non hanno risposto immediatamente alle domande di follow-up. Ma Techcrunch ha osservato che OhMiBod, ha vinto la categoria di prodotti digitali per la salute e il fitness nel 2016. Nel frattempo, Haddock ha sottolineato che “i sex robot, destinati agli uomini presentati al CES nel 2018, nonché un’azienda specializzata in VR porno [realtà virtuale pornografica n.d.r.] è presente ogni anno, permettendo agli uomini di guardare pornografia in pubblico mentre i consumatori camminano “.

La sessualità, anche esplicita, degli uomini con un robot sessuale nella forma di una donna realisticamente proporzionata e il porno VR sono presentati con orgoglio“, ha scritto. “La sessualità femminile, d’altra parte, è pesantemente tabù se non messa al bando. Non puoi fingere di essere imparziale se consenti lo showcase a un robot sessuale per uomini ma non a un massaggiatore robotico incentrato sulla vagina per orgasmo misto “.

Haddock ha dichiarato che è importante stigmatizzare la decisione del CTA perché “questi pregiudizi soffocano l’innovazione bloccando l’accesso a finanziamenti, esposizione e consumatori che potrebbero portare marchi e prodotti al livello successivo“.

Non sai mai come la tecnologia possa essere utilizzata, il futuro dell’assistenza sanitaria potrebbe essere nel brevetto per un sex toy“, ha scritto. “Ma se CES e CTA sono così intenti a tenere fuori le donne e la tecnologia del sesso, non lo scopriremo mai.”